Fin dal nome, il Monte Melma è decisamente la più sfigata delle montagne lecchesi. Schiacciato tra le più alte vette circostanti, più alte e suggestive, in confronto sembra quasi una collinetta. Eppure, dall’alto dei suoi 914m slm (come il Monte Barro, per intenderci) si può ammirare un paesaggio che non ha nulla da invidiare alle altre vette più blasonate. I sentieri per arrivarci non sono molti e sono tutte abbastanza brevi e facili: il più breve è da Ballabio, oppure da Lecco si può partire o dal rione Laorca o dal rione Cereda. Quella che presentiamo oggi è la salita alla vetta del Monte Melma da Lecco-Cereda.

Monte Melma da Lecco

Monte Melma da Lecco (sentiero 44): scheda tecnica

Come detto, tutti i sentieri che portano al Monte Melma da Lecco non presentano particolari difficoltà. Solo è un po’ ripida la parte finale. Partendo dalla frazione di Cereda, sopra San Giovanni, c’è la possibilità di allungare il percorso e di aggiungere un po’ di dislivello (circa 500m in totale). Bisogna fare attenzione, però, alla segnaletica: anche se rifatta di recente, in alcuni punti è ancora carente!

  • Partenza: Via Fausto Valsecchi – Fraz. Cereda di Lecco (400m slm)
  • Arrivo: Monte Melma (914m slm)
  • Sentieri: 44 e 41
  • Tappe intermedie: /
  • Durata: 50 minuti
  • Altitudine massima: 922m slm
  • Dislivello: 514m
  • Difficoltà: E
Monte Melma da Lecco

L’itinerario

Già dalla partenza non è semplice trovare il sentiero. Lasciata la macchina a Cereda, in Via Fausto Valsecchi, poco dopo al capolinea del bus linea 4, sulla destra si trova una rampa a curva (via Montalbano). Da lì parte, non indicato, il sentiero 44 per il Monte Melma da Lecco. Il primo tratto è su una mulattiera acciottolata.

blank
blank

Dopo circa venti minuti tra prati e bosco, si arriva all’osteria Montalbano (575m slm). Qui, arrivando dal basso, non si trovano indicazioni ma bisogna piegare leggermente a sinistra fino a un’antenna, dove si trova un cartello (il primo!) per il Monte Melma. Il sentiero sale blando nel bosco fino a trovare il sentiero che sale da Laorca (41), dove è posizionato un cartello.

Monte Melma da Lecco

Da quel momento il percorso si fa più ripido e, superata la deviazione per il sentiero Casati per Ballabio, in poco tempo si arriva al Sass Quader, dove si trova la croce panoramica (circa 50 minuti dalla partenza).


Segui Trekking Lecco anche su Facebook e Instagram!


Questo può essere considerato il punto di arrivo, anche se non si tratta della vera cima del Monte Melma: per arrivare al punto più alto si deve proseguire per qualche minuto fino a raggiungere la sommità su cui si trova un orribile ripetitore.

Monte Melma da Lecco

La vista dalla croce, come sempre, è veramente bella! Il Monte Melma da Lecco è un’escursione molto semplice, consigliata per conoscere una montagna troppo spesso ingiustamente dimenticata.

Monte Melma da Lecco

Foto e testi di Michele Castelnovo
Riproduzione riservata

Categorie: Lecco

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.