A poca distanza di macchina da Lecco, la Valchiavenna offre numerose opportunità per escursioni in alta quota e di bassa difficoltà. Dopo aver visto l’escursione al Rifugio Bertacchi, a Madesimo, vi presentiamo ora la descrizione del sentiero per il Rifugio Chiavenna e il Lago Angeloga con partenza dall’Alpe Motta.

L’Alpe Motta si trova compresa tra una quota di 1700 e 1800m slm circa ed è un’amena località di pascoli a metà tra Madesimo e Campodolcino, in Alta Valchiavenna, a pochi chilometri di distanza dal Passo dello Spluga che segna il confine con la Svizzera. Il Rifugio Chiavenna si trova presso la deliziosa Alpe Angeloga, contraddistinta dall’omonimo lago, ai piedi dell’imponente Pizzo Stella.

Scheda tecnica

Il sentiero, nonostante un tratto di salita abbastanza ripida e costante, è tutto sommato semplice e facilmente abbordabile, ma bisogna prestare molta attenzione perché in alcuni punti – dove comunque sono state collocate delle catene fisse per una maggiore sicurezza – è molto esposto a valle. Per questo stesso motivo è sconsigliato a bambini piccoli.

  • Partenza: Alpe Motta di sotto (1.727m slm)
  • Arrivo: Rifugio Chiavenna all’Angeloga (2.050m slm)
  • Lunghezza: 6 km
  • Dislivello: 520 m
  • Durata: 2 ore
  • Difficoltà: E

Escursione effettuata il 24 luglio 2022.

Leggi anche: Rifugio Pizzini e Val Cedec dal Rifugio Forni (Valfurva)

Descrizione del sentiero dall’Alpe Motta al Rifugio Chiavenna all’Angeloga

Con l’auto possiamo raggiungere facilmente da Madesimo la località Alpe Motta di sotto. Qui paghiamo il ticket e lasciamo l’auto, dopodiché ci mettiamo in cammino verso l’Alpe Motta di sopra (si può seguire la strada asfaltata oppure un sentierino che taglia le piste da sci). Noi suggeriamo di seguire la strada.

Arrivati all’Alpe Motta di sopra (circa 15 minuti), troviamo un pannello informativo in legno. Qui svoltiamo a destra e seguendo una strada sterrata ci addentriamo tra i pascoli intorno al Lago Azzurro, seguendo le indicazioni per il Rifugio Chiavenna all’Angeloga (sentiero c10). Continuiamo sulla strada e, dopo 20 minuti (circa 35 dalla partenza), sulla sinistra troviamo un sentierino che si stacca. Anche in questo caso al bivio sono presenti i cartelli escursionistici.

Imbocchiamo il sentiero e, dopo un primo tratto quasi pianeggiante, la salita inizia a farsi molto sostenuta. In questo tratto, in cui le pendenze superano il 20%, guadagniamo rapidamente molto dislivello.

rifugio chiavenna angeloga

Il sentiero taglia il fianco del Pizzo Groppera e in alcuni punti, a valle, il fianco della montagna è molto ripido (dopo circa un’ora dalla partenza). Essendo anche un po’ stretto il sentiero, sono state collocate delle catene di sicurezza che, se si ha una buona confidenza con l’ambiente di montagna, in realtà non sono necessarie.

Terminata la fase più dura di salita, inizia un tratto di moderato saliscendi, quindi con un andamento prevalentemente pianeggiante, fino a quando, in lontananza, inizia ad aprirsi la conca del Lago Angeloga.

Pian piano il sentiero inizia a scendere e in breve (2 ore dalla partenza) arriviamo a ridosso del Rifugio Chiavenna, antistante il Lago Angeloga. Dall’altra parte del lago, si staglia imponente la sagoma del Pizzo Stella.

Foto e testi di Michele Castelnovo
Riproduzione riservata
 – Trekking Lecco

Categorie: Fuori Provincia

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.